Biodiversita

Questa categoria tratta di articoli di Biodiversità

Codici Naturali

ECOLOGIA _ la scienza che studia la Natura. Ci insegna i cicli della materia e i flussi di energia. Descrive i principali ecosistemi terrestri analizzandone le complesse interazioni fra organismi viventi e non, ci spiega il significato e l’importanza della biodiversità. Ecco, questa Scienza andrebbe studiata, dagli agricoltori e soprattutto dagli agronomi. Come può essere …

Codici Naturali Read More »

La genetica del cacao, dal vecchio paradigma alla biodiversità

Quasi sempre, quando si parla di tipologie di cacao, si fa riferimento a tre tipologie che vanno sotto il nome di criollo, forastero e trinitario. Questo schema nel corso degli anni è diventato una sorta di paradigma, sia per i produttori di cioccolato che per gli appassionati e lo si ritrova nella maggior parte delle …

La genetica del cacao, dal vecchio paradigma alla biodiversità Read More »

Naturali armonie, la filosofia conservativa di Mashpi Shungo

di Chiara Mastrolorito e Maicol Sacchetti Tutto ci saremmo aspettati tranne di sentirci così vicini alla Natura e accolti in un luogo a noi estraneo, come durante i pochi giorni passati con Arturo, Alejandro e le loro famiglie. Dopo qualche ora di strada da Quito raggiungiamo il Festival del Choco Andino a Pacto, un brulicante …

Naturali armonie, la filosofia conservativa di Mashpi Shungo Read More »

Il Parmigiano Reggiano è davvero tutto uguale?

di Mirco Marconi e Maicol Sacchetti Siamo certi che la sola lettura di questo titolo farà arricciare il naso a qualcuno: “ma come il Parmigiano Reggiano tutto uguale? Ma certo che no! C’è quello di montagna e quello di pianura, quello ‘normale’ e quello delle vacche rosse, ecc. ecc.” Molti consumatori in effetti sono ben …

Il Parmigiano Reggiano è davvero tutto uguale? Read More »

L’uva tosca, o “Uva de monte”

di Marisa Fontana, Chiara Pastore, Ilaria Filippetti Le ricognizioni in merito alla biodiversità viticola dell’Emilia-Romagna hanno portato al reperimento di diverse accessioni con denominazioni riconducibili a “Tosca” o “Uva Tosca”, talune corrette, altre errate, altre ancora con possibili significati storici e filogenetici; e questo può essere indice di un’antica presenza sul territorio. Non di meno …

L’uva tosca, o “Uva de monte” Read More »

La regina del tortello di zucca: la cappello da prete

L’Emilia-Romagna è famosa nel mondo per alcune sue “perle” enogastronomiche: il Parmigiano Reggiano, il Prosciutto di Parma, l’Aceto Balsamico Tradizionale, il lambrusco e i suoi tanti salumi. Si tratta di prodotti derivanti da trasformazione, mentre tra quelli che l’agricoltura ci offre direttamente, ci sono IGP (l’Indicazione Geografica Protetta) come l’Anguria Reggiana, la Pera dell’Emilia Romagna, …

La regina del tortello di zucca: la cappello da prete Read More »

Antiche pesche dell’Emilia Romagna

L’Emilia Romagna ha un ricchissimo patrimonio di antiche varietà di pesco, come conseguenza della lunghissima tradizione che ha la coltivazione di questa specie in regione. Purtroppo, pur essendo un patrimonio unico al mondo, è a grande rischio di estinzione, poiché tali genotipi non sono più utilizzati dagli agricoltori nonostante le eccezionali caratteristiche qualitative. Il pesco era …

Antiche pesche dell’Emilia Romagna Read More »

Cultivar, ma perché?

“Cultivar”, con quel suo particolare accento sulla u, può sembrare una voce dialettale di qualche vallata remota, o perfino latino. Più banalmente si tratta del solito, invadente inglese internazionale: una sintesi fra “cultivated” e “variety”, insomma una varietà coltivata. Risultato, s’intende, della selezione umana all’interno di un certo genotipo piuttosto che di mutazioni spontanee. Siamo …

Cultivar, ma perché? Read More »

Nasce il Presidio Slow Food dei meloni reggiani

Poche settimane fa è stato varato il Presidio Slow Food degli “Antichi meloni reggiani”, ultimo nato tra i presidi della regione e unico a Reggio Emilia.La coltivazione del melone ha una lunga tradizione nel reggiano, specialmente nella zona tra Novellara, Santa Vittoria, Guastalla e Brescello. Le cultivar tradizionali reggiane, vennero progressivamente abbandonati a partire dal …

Nasce il Presidio Slow Food dei meloni reggiani Read More »